martedì 29 novembre 2016

Referendum e Ambiente

Tra le tante questioni oggetto del Referendum del prossimo 4 dicembre, vogliamo sottolineare l'unico aspetto che riguarda espressamente da vicino le tematiche di cui ci occupiamo come associazione. Senza entrare nel merito di schieramenti o idee politiche.
Tra le competenze dello Stato e delle Regioni modificate dagli articoli 30-31 contenuti nel testo della Riforma, ci sono alcune modifiche di importanza non secondaria delle materie di legislazione esclusiva dello stato.
(1) Il nuovo testo parla di “tutela e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici” e di “ambiente ed ecosistema”, mentre nella Costituzione come è ora in vigore (artt. 116 e 117) si parla di "tutela dell'ambiente e dell'ecosistema" oltre che di "tutela e valorizzazione dei beni culturali". La parola “tutela” (importantissima!), quindi, con la Riforma non riguarderebbe più l’ambiente e l’ecosistema... compensandosi solo in parte con l’aggiunta della tutela dei beni paesaggistici. Ma si sa bene che ambiente, ecosistema hanno una valenza più generale e più densa di significato rispetto al paesaggio (termine di definizione controversa). L’Ambiente e l’Ecosistema comprendono necessariamente anche gli animali, il regno vegetale e tutto ciò che ci circonda sul pianeta... Il Paesaggio ha un senso più estetico, il complesso degli elementi che caratterizzano una determinata area, senza che sia necessariamente “popolata” da esseri viventi. Anche nella parte in cui si elencano le materie in cui la legislazione spetta alle regioni, si parla di disciplina delle attività culturali, della promozione dei beni ambientali, culturali e paesaggistici. Beni ambientali è sempre questione più di forma che di sostanza... non l’ambiente, ma quello che per il sentimento comune è riconosciuto come un bene, un valore.
(2) tra le materie di legislazione esclusiva dello Stato, ci sono anche "produzione, trasporto e distribuzione nazionali dell’energia" e "infrastrutture strategiche e di navigazione di interesse nazionale e relative norme di sicurezza". Queste decisioni potrebbero nascondere il tentativo di sottrazione di parte del potere popolare su queste materie, perché se ora sono oggetto di legislazione concorrente Stato/Regioni e quindi si può “sperare” che le Regioni si oppongano a decisioni scellerate di forte impatto sul territorio per questioni di energia, infrastrutture strategiche (basti pensare a cosa negli ultimi anni è stato dichiarato così... una per tutte la TAV e tanti progetti di autostrade, strade e cementificazione del territorio!), con la Riforma... non più!!
NON VOGLIAMO IN ALCUN MODO INFLUENZARVI NELLA DECISIONE DI VOTO, MA CI SEMBRAVA DOVEROSO PARLARE DI QUESTI DUE ASPETTI DEI QUALI, A NOSTRO PARERE, QUASI NESSUNO HA PARLATO...
Associazione UNA Cremona onlus (Uomo-Natura-Animali)

domenica 13 novembre 2016

(non) regalare sfruttamento per Natale!!

(non) regalare sfruttamento per Natale!!

Una ditta delle Langhe promuove come idea regalo lo sfruttamento animale!!
Oltre a noccioleti e vigneti, per Natale si possono acquistare dei pacchetti che comprendono "virtualmente" pecore, capre, arnie di api o cani da tartufo... tutti i dettagli nel link sottostante, dove si trovano anche i riferimenti per la protesta mail/social.

https://carmenluciano.com/2016/11/13/sfruttamento-animale-come-regalo-di-natale-mailbombing-madeinlangheroero/

Basta sfruttamento, basta mercificazione di vite!!!

UNA Cremona (Uomo-Natura-Animali) onlus

mercoledì 2 novembre 2016

domenica 6 novembre... UNA Cremona in piazza

Questo mese torniamo in piazza con il consueto tavolo informativo... ma in una data diversa dal solito!!
Vi aspettiamo DOMENICA 6 NOVEMBRE in Piazza Stradivari (ospiti del mercatino del biologico) a Cremona con libri, magliette, piccoli oggetti creati a mano, volantini...
(Se pioverà molto non ci saremo...)

UNA Cremona (Uomo-Natura-Animali)

martedì 25 ottobre 2016

Green Hill, il ricorso inammissibile quasi 5 anni dopo!

Storia di un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica...
Quasi 5 anni dopo... (e 600 € dopo), giudicato inammissibile!!
Ma Green Hill ha cessato comunque di allevare beagle a Montichiari.

Alla fine di settembre 2016, la nostra associazione ha ricevuto una raccomandata oramai “inaspettata”, da parte del Ministero della Salute, contenente il decreto del Presidente della Repubblica che, su parere del Consiglio di Stato, ha decretato inammissibile il nostro ricorso allo stesso in merito all’allevamento di beagle “Green Hill” di Montichiari.

            Se non fosse stato per il fatto che questo ricorso ci è costato ben 600 €, forse non avremmo quasi più avuto nemmeno memoria di questo tentativo che avevamo fatto!!

            Infatti, avevamo presentato il ricorso in data 30 dicembre 2011!!! “Oggetto: Verifica correttezza esistenza impresa Marshall Farm INC in carenza della documentazione prevista dalla legge”. Nel ricorso contestavamo l’apertura e il funzionamento di uno stabilimento di allevamento di cani “beagle” situato nel Comune di Montichiari (BS) e chiedevamo la verifica della correttezza dell’attività svolta dall’impresa; inoltre, avevamo messo in evidenza come le prescrizioni contenute nel D.L 116 non erano – a nostro avviso – rispettate dal Sindaco e dal Prefetto (la prefettura ne ignorava completamente l’esistenza) e chiesto la chiusura dell’allevamento.

            Dalla “risposta” ora ottenuta, abbiamo saputo che il Ministero della Salute ha prodotto il 2 agosto 2012 una relazione in cui si dichiara inammissibile il ricorso “per mancanza dell’oggetto, cioè del provvedimento definitivo di cui chiedere l’annullamento e quindi per violazione dell’art. 8 del DPR n. 1199/1971. (...) il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica è individuato quale ordinario rimedio giustiziale avverso gli atti amministrativi definitivi di cui venga accertata la contrarietà all’ordinamento giuridico, sicché esso non può essere proposto per la soluzione di astratte controversi interpretative o per l’accertamento di un determinato assetto del rapporto intercorrente tra le parti o, ancora, per svolgere un’indagine sulla legittimità o sulla correttezza amministrativa di un’impresa, esulando, tali situazioni, dal campo di applicazione della norma su citata.”.

            L’adunanza del Consiglio di Stato nel quale tutto ciò è stato preso in considerazione e discusso è stata quella del 17 febbraio 2016. La comunicazione ci è arrivata “solo” 7 mesi e mezzo dopo... a quasi 5 anni intercorsi dalla presentazione del ricorso.

            Durante il nostro banchetto dello scorso 23 ottobre abbiamo avuto il piacere di ricevere le dolci leccatine di una bellissima beagle liberata da quell’allevamento, e possiamo solo commentare che per fortuna “Green Hill” a Montichiari come allevamento di beagle non esiste più,
ma per la forza e la determinazione di tante persone, iniziative, proteste, e tante azioni diverse... non grazie a chi vive di burocrazia.
“Non dubitare mai che un piccolo gruppo di cittadini coscienziosi ed impegnati possa cambiare il mondo. In verità è l’unica cosa che è sempre accaduta.”(Margaret Mead)

NA Cremona (Uomo-Natura-Animali) onlus



giovedì 20 ottobre 2016

UNA a Telecolor, NO al circo (18/10/2016)





Il nostro breve intervento durante il tg serale dell'emittente Telecolor, sempre dalla parte degli animali!

lunedì 17 ottobre 2016

UNA Cremona in piazza 23 ottobre

Anche a ottobre UNA Cremona torna con il consueto tavolo informativo mensile, ospite del Mercatino del Biologico, domenica 23 ottobre 2016 - dalle 8 alle 19 circa.Se non pioverà, ci troverete in Piazza Stradivari a Cremona... con libri e volantini su vivisezione, alimentazione veg, caccia, circo ..., con le nostre magliette, alcuni oggetti fatti a mano.E ovviamente, potrete "ammirare" anche il nostro nuovo manifesto dedicato alla difesa delle nutrie con protagonista Davide "Soldato Daniza" Celli!!Vi aspettiamo!!