venerdì 29 dicembre 2017

Ordinanza botti Capodanno 2018


Abbiamo appreso dell’ordinanza firmata dal sindaco di Cremona in merito all’uso di “artifici pirotecnici” sul territorio comunale in questi giorni – essa è in vigore dal 30 dicembre 2017 al 2 gennaio 2018 - ... anche se, ad oggi 29 dicembre, abbiamo avuto notizia di cittadini che lamentano il disturbo (per sé o per gli animali) dovuto all’uso di botti/petardi e probabilmente dopo il clou di fine anno si proseguirà fino all’Epifania (come in anni passati).
[link al testo dell’ordinanza: https://www.comune.cremona.it/node/476976]
Al momento, ai Comuni non è data facoltà di vietare completamente i botti (stesso discorso dei circhi con animali: non si può vietare localmente ciò che a livello nazionale è permesso...), ma essi possono soltanto emanare raccomandazioni e limitazioni circa l’uso di botti e petardi in occasione del Capodanno.
Quest’anno, il Comune di Cremona introduce una distinzione tra il centro (o “Zona di Particolare Rilevanza Urbanistica”!), dove “in luoghi pubblici e nelle aree private assoggettate a servitù di pubblico passaggio, è fatto divieto di far esplodere artifici pirotecnici di libera vendita che abbiano effetto scoppiettante, crepitante o fischiante quali ad esempio raudi e petardi”, e la periferia, dove questi prodotti sono permessi “a condizione di non costituire disturbo, danno o molestia a persone o animali ovvero conseguenze di qualsiasi genere o natura sugli spazi pubblici comunali”. Distinzioni, quindi, in merito alla tipologia di artifici pirotecnici ma anche per quanto riguarda la qualificazione dei luoghi (per la periferia, importa solo non produrre conseguenze sugli spazi pubblici comunali...!!). Non sappiamo la ragione di questa scelta, ma non crediamo che sia corretto istituire tra i cittadini privilegi tra chi potrà (in teoria) evitarsi situazioni di disturbo e chi invece dovrà sopportarle... a meno di riuscire a far comprendere “il disturbo, il danno o la molestia” a chi sceglie di festeggiare così il Capodanno. Come si possa fare, sinceramente, non sappiamo dirlo. Forse la questione centro/periferia si riallaccia al discorso della tutela della qualità dell’aria, visto che fuochi, petardi e botti contribuiscono all’inquinamento che già è molto accentuato nella nostra zona (come richiamato anche nell’ordinanza).
Un capoverso è dedicato alla raccomandazione per i proprietari di animali d’affezione di vigilare perché il disagio determinato agli animali dai botti esplosi nei luoghi permessi non causi danni a persone o agli animali stessi (citando, giustamente, il rischio di smarrimento o di incidenti stradali). Giustamente gli umani che convivono con animali devono assumersene la responsabilità, ma noi pensiamo che dovrebbe essere aumentata anche la responsabilità in coloro che causeranno comunque agli animali stress e disturbi fisici come tachicardia, scegliendo di non rinunciare a una “tradizione” ormai diventata esagerata... 
Manca completamente, nel testo emanato dal sindaco, il riferimento agli animali selvatici che soffriranno anch’essi per l’esplosione di botti e petardi, oltre ad essere esposti al pericolo di venire in contatto con artifici pirotecnici inesplosi. 
La soluzione migliore e auspicabile sarebbe che si rinunciasse collettivamente a ricorrere a questa “tradizione”, mantenendo solo (moderatamente) quegli artifici pirotecnici ad effetto luminoso che non producano rumori molesti.
Dal momento che questo sembra poco attuabile nell’immediato, speriamo che ci siano poche segnalazioni, ma che alle segnalazioni che (sicuramente) verranno fatte alle forze dell’ordine segua almeno una puntuale e pronta applicazione della stessa (sanzione: 150 €).

Associazione UNA Cremona (Uomo-Natura-Animali) onlus
29/12/2017

domenica 24 dicembre 2017

Telethon e polemiche: una paziente miopatica chiede di “non donare più”

Pubblicato il 7/12/2017 – Aggiornato l’8/12/2017 da SudOuest.fr

[traduzione a cura di UNA Cremona (Uomo-Natura-Animali) onlus – 24/12/2017]


Affetta da distrofia muscolare, una paziente critica la “menzogna” di Telethon e denuncia gli esperimenti su animali. Una polemica che non è la prima per questo appuntamento trentennale.
Venerdì e sabato, Telethon celebrerà il suo 31° compleanno. Dal 4 dicembre 1987, l’evento si ripete ogni anno. Uno spettacolo mediatico per una nobile causa: si tratta di raccogliere dei fondi per la ricerca sulle malattie genetiche neuromuscolari, come la miopatia. L’anno scorso, più di 92 milioni di euro sono stati raccolti così. Di nuovo quest’anno, le donazioni dovranno affluire sul sito di Telethon e al 3637 [in Francia].
Se è sinonimo, per il grande pubblico, di solidarietà e di aiuto reciproco, Telethon non raccoglie l’unanimità. Si può criticare un evento posto sotto il sigillo della generosità? Alcuni non rinunciano a ciò e il profilo dell’ultima in ordine di data, Pascaline Wittkowski, la discolpa, a priori, da qualsiasi intenzione maligna.

“Perché finanziare una ricerca che non guarisce?”
In un video pubblicato questo giovedì su Youtube, sul profilo dell’associazione di difesa degli animali Peta, Pascaline Wittkowski racconta di essere affetta da “miopatia da una quarantina d’anni”. “Quando ho visto il primo Telethon, nel 1987, (...) ho avuto molte speranze” dichiara. “Dopo qualche anno, mi sono accorta che, in fine dei conti, tutto ciò è falso, non c’è nulla. Si mantiene solo questa illusione nelle persone, si mantiene questa menzogna”.
VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=npYLF6hYwQE Una paziente miopatica denuncia la realtà di Telethon
Che cosa rimprovera questa paziente a Telethon? Il suo reclamo riguarda il modo con cui le ricerche sono portate avanti, principalmente attraverso esperimenti su animali: “Tante ricerche e nessuna guarigione... Perché? Semplicemente perché io non sono un cane. Bisogna smettere di credere che si troveranno delle cure per gli umani prendendo altre specie animali (sic). Io non ho chiesto che degli animali soffrano per me” spiega.
“Se volete veramente aiutare i malati, non donate più a Telethon”
Di conseguenza, Pascaline Wittowski lancia un appello: “Ci sono oggigiorno dei ricercatori che sono impegnati su metodi efficaci, affidabili, conformi al genoma umano e che cominciano ad ottenere dei risultati. Perché continuare a finanziare una ricerca che non guarisce? Se voi volete veramente aiutare i malati, non donate più a Telethon e finanziate la ricerca scientifica che non utilizza animali”.

Animali: esperimenti che indignano
Questa affermazione fa eco a una fronda portata avanti da diversi anni dalle associazione di difesa degli animali. 1,9 milioni di animali sono serviti per esperimenti nel 2015 in Francia, principalmente topi (52,9%), ma anche pesci (22,2%), ratti (8,2%) e conigli (5,6%). Più raramente, sono utilizzati cani (3226 individui) e primati (3162).   
“Non lo facciamo per divertimento” assicura una ricercatrice. “E’ lunga la lista di scoperte e progressi medici che dobbiamo ai modelli animali” ricordano altri scienziati. Delle spiegazioni che non convincono associazioni come Animal Testing. Da un anno, la struttura ha pubblicato tre video con telecamera nascosta che mostrano degli esperimenti in laboratorio su topi, scimmie e cani.
VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=Wr7OFqh6zsU : “La sofferenza è reale”: questi esperimenti su cani sono finanziati da Telethon
“I primati sono in scantinati senza luce, in gabbie di un metro cubo, in perpetuo” sottolinea una responsabile. “E’ peggio delle condizioni dei carcerati, alcuni impazziscono oltre alle loro sofferenze fisiche”. Rimprovera perciò a Telethon di “fare appello alle emozioni e alla generosità della gente nascondendo loro delle cose” sulla sperimentazione animale,
“E’ una tappa obbligata” risponde una ricercatrice a proposito degli esperimenti su cani. “Tutto è nei limiti e lo scopo è avere un giorno delle cure per i bambini”. La presidente di AFM Telethon, Laurence Tiennot-Herment, sottolinea, lei, “che non esiste alcun metodo alternativo” per rimpiazzare totalmente la sperimentazione animale.

“Gadgetizzazione” dell’etica
Queste critiche non sono le prime rispetto a Telethon. Da anni, delle voci si levano contro questo appuntamento che, per la sua potenza mediatica, eclissa, almeno per un fine settimana, ogni altra opera di beneficenza.
Così, nel 2013, il libro “Telethon: le domande che infastidiscono” del giornalista Thomas Lubac, aveva passato in rassegna alcuni dei punti di tensione riguardo a Telethon, come riportava L’Express. In primo luogo sottolineava lo scetticismo di diversi ricercatori sulla ricerca sulla terapia genica, riconoscendo che “i risultati sono deludenti”.
Altri scienziati condannavano uno show mediatico diventato una “gadgetizzazione dell’etica”. Dei pazienti affetti da miopatia raccontavano, loro di aver perso speranza e di essersi allontanati dall’appuntamento, delusi dal fatto che l’AFM sia diventata “una società di produzione di uno spettacolo televisivo annuale”.

Quando Pierre Bergé ha denunciato una “vasta frode”
Tra gli altri polemici, ‘Le Figaro’ ricorda che una delle più celebri resta l’uscita, nel 2009, dell’uomo d’affari Pierre Bergé: “Telethon parassita la generosità dei Francesi, la capta in maniera populista esibendo la sofferenza dei bambini miopatici”, aveva dichiarato, evocando altre associazioni “trascurate”, come quelle per la lotta contro l’Aids. Per queste affermazioni, Pierre Bergé era stato parzialmente condannato. Cosa che non gli aveva impedito di affondare il coltello nella piaga nel 2016 in un tweet, parlando di “vasta truffa”.
TWEET: Pierre Bergé @pvgberge – Telethon. Avevo ragione, è una vasta truffa. Il prof. Testard la denuncia oggi. 16:43 – 4 dic. 2016
Il professor Testard, citato da Pierre Bergé, è un biologo, direttore di ricerca all’Inserm, che ha dichiarato a più riprese, a proposito di Telethon, che egli trovava questo appuntamento “scandaloso”. Così, nel 2011, descriveva sul suo blog Telethon come “un’operazione che (...) fa delle promesse spudorate”, presenta delle scene “indegne” con dei bambini malati e procede a una “manipolazione di massa” ... “Non è sufficiente disporre di mezzi finanziari per guarire tutte le patologie. Lasciar credere a tutta questa potenza della medicina, come fa Telethon è ingannare i malati e le loro famiglie” denunciava.

*** *** *** ***

Trascrizione dal video “La sofferenza è reale”: questi esperimenti sui cani sono finanziati da Telethon
Una sofferenza mai vista: immersione in un laboratorio francese che testa sui cani
Alla Scuola veterinaria di Alfort, nel corso di esperimenti finanziati dall’associazione caritativa Telethon, dei golden retrivier e altre specie di cani sono allevati con lo scopo di sviluppare una distrofia muscolare paralizzante, compresa la distrofia muscolare di Duchenne.
(immagini video)
Essi perdono la loro forza muscolare e hanno delle difficoltà a deglutire, a respirare e a camminare.
Della bava cola dalla gola di un piccolo cane, mentre il suo compagno di gabbia cammina con difficoltà.
(immagini video)
Questo cane faceva fatica a digerire il suo cibo. Il suo viso era coperto di vomito.
(immagini video)
Questi cani che hanno disperatamente bisogno di attenzione fanno fatica a respirare.
(immagini video)
Gli impiegati del laboratorio ammettono che i cani soffrono. Alcuni cani sono completamente paralizzati prima di raggiungere l’età di 6 mesi e la metà di loro muore prima di avere 10 mesi.
“La beagle, non vorrei essere al suo posto”.
“La sofferenza, è reale”.
Un rappresentante del laboratorio ammette che perderebbero i loro finanziamenti se il pubblico vedesse lo stato dei cani.
“E’ sicuro che se mostriamo loro i nostri cani miopatici, questo rischia di far loro perdere molto denaro. ‘Bene, ecco i soldi di Telethon. Servono a fare quella ricerca’. Questo è dissuasivo per la gente.”
Malgrado decenni di esperimenti sui cani, i bambini continuano a soffrire di distrofia muscolare di Duchenne.
Non c’è ancora rimedio.
Chiedete a Telethon di smettere di finanziare esperimenti crudeli su animali e di sostenere unicamente metodi di ricerca moderni senza animali.
PETA + ANIMAL TESTING

***

Trascrizione del video “Una paziente affetta da miopatia denuncia la realtà di Telethon”
Buongiorno, mi chiamo Pascaline.
Sono affetta da miopatia da circa una quarantina d’anni.
È una malattia evolutiva molto invalidante e che necessita dell’intervento di badanti per gli atti essenziali della vita quotidiana.
Quando ero più giovane, quando ho visto il primo Telethon, mi ricordo che era nel 1987 mia madre mi ha chiamato, mi ha detto “guarda, si parla della miopatia alla televisione, ci sarà una trasmissione, cercheranno delle cure per la miopatia.
Quel giorno avevo davvero speranza, ero in un incubo e mi dicevo che era meraviglioso, ci saranno dei soldi, ne uscirò, potrò vivere la mia vita come voglio.
Dopo qualche anno mi sono accorta che alla fine non è così, tutto questo è falso, non c’è nulla, si mantiene solo questa illusione nella gente, si mantiene questa menzogna di dire loro “vi guariremo, vi guariremo”.
Tante ricerche, nessuna guarigione.
Perché?
Semplicemente perché io non sono un cane.
Ora bisogna smetterla di illudersi e di credere che troveremo delle cure per gli umani prendendo altre specie animali.
Perché io sono così contraria alla sperimentazione animale?
Perché io non ho chiesto che degli animali soffrano per me, io non voglio, fa male, fa male sapere che degli esseri viventi, degli individui, degli esseri sensibili coscienti saranno privati della loro vita, soffriranno, vivranno una vita di sofferenze, essere messi sulla terra per soffrire, solo per me, solo per tentare di curare una malattia.
Ci sono oggigiorno dei ricercatori che sono impegnati, che sono al lavoro da diversi anni su metodi efficaci, affidabili, conformi al modello genetico e al genoma umano e ceh cominciano ad ottenere dei risultati.
Perché continuare a finanziare una ricerca che non ci guarisce?
Se volete veramente aiutare i malati, non donate più a Telethon e finanziate la ricerca scientifica che non utilizza animali.
Grazie.
[VIDEO: PETA]


lunedì 4 dicembre 2017

No glifosato... ma anche no vivisezione!

No glifosato... ma anche no vivisezione!
In questi ultimi mesi, grande rilevanza ha avuto la discussione sul glifosato, sul suo utilizzo in agricoltura e sulla sua nocività e cancerogenicità.
In questo contesto, sta circolando con una buona diffusione, soprattutto in ambienti (virtuali e reali) ambientalisti, la raccolta fondi lanciata dall’Istituto Ramazzini per il finanziamento “dal basso” di un progetto di ricerca che miri a dimostrare gli effetti (dannosi) di questa sostanza sulla salute umana.
Sarebbe un’ottima notizia, avere uno studio attendibile e non di parte su questo argomento... peccato che questo promesso studio si baserà sulla vivisezione (o sperimentazione animale, per noi il termine si equivale, ad indicare studi su animali).
È bastato cercare qualche informazione in più sul loro sito ufficiale (http://glyphosatestudy.org/it) per scoprire che “Una caratteristica peculiare degli studi di cancerogenesi dell’IR [Istituto Ramazzini] è che i ratti sono trattati dalla vita prenatale e mantenuti sotto osservazione fino a morte spontanea o almeno fino a 130 settimane di età, corrispondenti a circa 75 anni nell’uomo”. Si parla inoltre di “tossicità a lungo termine del glifosato a dosi uomo-equivalenti”.
Sì: per capire se una sostanza fa male all’uomo, si ricorre al paradigma ormai da più parti ritenuto assolutamente non predittivo e non scientifico degli esprimenti su animali, in questo caso ratti!
Ci viene spontaneo commentare all’istante ricordando un articolo degli scienziati di Antidote Europe: Noi non siamo dei ratti di 70 kg! (http://antidote-europe.org/humains-ne-sont-pas-rats-70kg/ 5 aprile 2011).
Sempre più scienziati riconoscono l’evidenza che non è possibile estendere i risultati ottenuti sperimentando una sostanza su una specie animale ad un’altra specie, perché ogni specie ha delle determinate caratteristiche biologiche, metaboliche, fisiche...
Vi chiediamo di esprimere la vostra contrarietà all’Istituto Ramazzini (contatti: https://glyphosatestudy.org/it/contatto/) per il loro ricorso a studi su animali e di non finanziare questo progetto se non cambierà l’impostazione di ricerca, con l’abbandono del vecchio paradigma della vivisezione a favore di una vera scienza che – basandosi su studi su cellule, tessuti e cellule umane – possa davvero darci una risposta così importante riguardo la tossicità e cancerogenicità di questo prodotto.
Associazione UNA Cremona (Uomo-Natura-Animali) onlus
Cremona, 4/12/2017


lunedì 27 novembre 2017

UNA in piazza - dicembre 2017

UNA IN PIAZZA... ANCHE A DICEMBRE 

Anche a dicembre (tempo permettendo!) tornano gli appuntamenti con i nostri tavoli informativi:

- domenica 3 dicembre presso il Mercatino del Biologico, Piazza Stradivari a Cremona - tutto il giorno

- sabato 23 dicembre sotto la Galleria XXV Aprile, angolo corso Campi - corso Cavour (dove c'era la gelateria Grom) - tutto il giorno


Vi aspettiamo con libri, volantini, le nostre magliette e anche qualche oggetto, con cui potrete fare o farvi un regalo...!!

UNA Cremona (Uomo-Natura-Animali) onlus



martedì 14 novembre 2017

2 petizioni per i cani francesi e 1 domanda-riflessione


2 petizioni per i cani francesi e 1 domanda-riflessione

Da alcune petizioni circolanti su internet, apprendiamo alcuni dettagli interessanti sulla situazione del randagismo a casa dei nostri vicini francesi...
La vicenda è presto detta: il Presidente della Repubblica Francese, Macron, ha deciso di eliminare i “contratti assistiti”, mettendo a rischio ben 260 rifugi per animali per un totale di 180.000 animali. Rifugi che accolgono animali persi, abbandonati, sequestrati o di cui nessuno si prende cura per varie ragioni... Con i contratti assistiti, oltre che con il volontariato, questi rifugi si occupano degli animali.
In una delle due petizioni, il volontario che ha lanciato la petizione afferma alcune cose “interessanti” per avere un’idea di come stanno le cose Oltralpe: i cani e i gatti (totale 400 animali) del rifugio presso cui presta volontariato rischiano di essere eutanizzati, anche perché trasferirli in altri rifugi - sempre a detta di questa persona - sarebbe impossibile, dato che sono TUTTI PIENI al massimo e possono SOLO intervenire in caso di abbandoni e maltrattamenti. Non solo, si dice che la Francia è il paese europeo con PIU’ ANIMALI ma anche con PIU’ ABBANDONI E MALTRATTAMENTI di tutti i generi!
Oltre a invitarvi a firmare le due petizioni ai link che si trovano qui sotto, non possiamo fare a meno di invitare ad una riflessione: con questa situazione di canili strapieni e tanti animali da sottrarre a maltrattamenti e cattiverie... come è possibile che i “nostri” cani italiani vengano portati anche in Francia a camionate? (ufficialmente per adozioni bellissime... - solito discorso come per tanti altri paesi europei? traffici non chiari?)
Petizioni da firmare:
https://www.change.org/p/madame-la-...
https://www.mesopinions.com/petitio...

UNA Cremona (Uomo-Natura-Animali) onlus
14/11/2017 

Silenzio stampa

Intanto, nel silenzio dei mezzi di comunicazione, in Puglia… riceviamo e (indignati) diffondiamo.
UNA Cremona (Uomo-Natura-Animali)
www.unacremona.itcomunicazione@unacremona.it

 L’INVASIONE
Follia Tap, 500 militari assegnati ai cantieri per un mese. Militarizzata nella notte tutta l’area
http://www.identitainsorgenti.com/linvasione-follia-tap-500-militari-assegnati-ai-cantieri-per-un-mese-militarizzata-nella-notte-tutta-larea/

sabato 4 novembre 2017

Procioni come le nutrie... nel mirino!!

Nel parco dell'Adda Nord (sede: Trezzo sull'Adda, MI) è stato approvato il rinnovo del piano di abbattimento dei procioni.
Si parla di circa 100 animali. Presenti nel parco da almeno 15 anni.
Come sempre, non si è intervenuto quando erano pochi... si è atteso che potesse scattare un "allarme".

Le colpe? Il rischio che trasmettano il virus della rabbia... e ovviamente i danni alle coltivazioni!! (e in qualche articolo di giornale, li si ritiene responsabili anche di razzie nei pollai, oltre al fatto di rosicchiare tubi per l'irrigazione e cavi della televisione!!)
Per quanto riguarda la rabbia, l'EFSA nel 2015 ha ritenuto efficace la vaccinazione orale anche per la specie procione (con alcuni accorgimenti relativamente alle condizioni climatiche e comunque sottolineando la necessità di una continuità temporale della vaccinazione).

E' una questione che sta già allarmando anche alcune zone del Cremasco, quelle confinanti con l'area del Parco... niente di più facile che gli animali, sentendosi in pericolo in quella zona, si spostino alla ricerca di aree più tranquille in cui vivere.

L'obiettivo è il solito: totale eradicazione.
L'eradicazione è cominciata nel 2014... al momento c'è la convenzione fino al 31/12/2019... ma già si parla di prolungare l'attività a tutto il 2020!! 

Studi scientifici affermano che, per qualsiasi popolazione animale, le uccisioni non servono a diminuire il numero di animali complessivo, anzi aumentano la fertilità degli animali rimasti, perché è una dinamica naturale che le popolazioni (animali) si adattino numericamente allo spazio e alle risorse disponibili... e se la densità numerica cala, ci pensa la natura a far di nuovo aumentare la popolazione. Questioni di conservazione della specie.
Che ne può sapere la natura che un'altra specie si vuol prendere l'arbitrio di decidere, fucile in mano, che altri devono morire?
I procioni condivideranno il destino delle nutrie: catturati con la stessa tipologia di gabbie, uccisi probabilmente nello stesso modo.

Anche l'origine della presenza di questi animali alloctoni è simile a quella delle nutrie: colpa dell'uomo.
Si tratta di animali di origine nordamericana, introdotti in Europa per la caccia e per la produzione di pellicce, ma richiesti anche come animali domestici (per la loro bellezza), salvo poi essere rilasciati in natura dai proprietari quando ci si rende conto che da adulti possono essere "aggressivi" (e come dar loro torto, visto che sono costretti alla cattività?) e che comunque occuparsi di loro non è semplice.
Nonostante il procione sia da alcuni anni definito "specie invasiva" (alloctona), la maggior parte dei paesi europei non ne controllano il commercio ed esistono venditori privati non autorizzati i cui annunci di vendita proliferano su internet.
In Italia la loro detenzione è vietata dalla legge ai privati... e sono pochi anche i centri autorizzati a detenerli qualora siano ritrovati in natura o vadano "spostati" come nel caso dei procioni del parco dell'Adda.

Facciamo un po' di storia della colonia di procioni dell'Adda, partendo da alcuni articoli trovati sul web:
la loro presenza nella zona risale a circa 10 anni fa, quando probabilmente qualcuno ha abbandonato nell'ambiente alcuni esemplari.
Grazie alla loro straordinaria capacità di adattamento e alla mancanza di predatori naturali, il loro numero è rapidamente aumentato.
Burocrazia e (presunti) problemi economici hanno allungato i tempi per la cattura di questi animali... nonostante la cattura sarebbe stata più semplice e meno dispendiosa quando gli esemplari erano pochi!!
Nel maggio 2015, si diceva che era pronto il piano per trasferirli in Umbria in massa, essendoci in quella regione uno dei pochi centri autorizzati alla loro detenzione con posti ancora liberi. Stanziati, per la realizzazione di questo piano, 30.000 euro.
Poco meno di un anno dopo, nel marzo 2016 si afferma che le spese di trasporto non sarebbero coperte da quel budget e per la stessa ragione naufraga l'ipotesi della creazione di un centro apposito nei paesi dell'Adda. 

Ma continuiamo a parlare di soldi... ora, nel 2017, vengono stanziati altri 60.000 euro per proseguire la mattanza, di cui 15.000 euro dati dall'ente parco e 45.000 dai contributi della Regione Lombardia (anche attraverso finanziamenti europei).
Con questi, i soldi sono in totale 90.000 euro!!
Quindi tutti i contribuenti  volenti o nolenti mettono dei soldi in questa "impresa", piuttosto che in metodi ecologici per limitare il numero di esemplari senza uccisioni. Soluzioni alternative alla mattanza ci sono, lo spostamento degli animali o la creazione di un centro sul territorio. Nemmeno con questi ulteriori 60.000 euro è possibile realizzare una di queste due opzioni non cruente??



Associazione UNA Cremona (Uomo-Natura-Animali)
04/11/2017